Progetto

Obesità : il problema

Il problema dell’obesità infantile sta diventando un nodo centrale nella questione della salute in generale. L’Associazione Mondiale della Sanità (World Health Organization) ha espressamente dichiarato, usando il mezzo della photo story, che “l’epidemia di sovrappeso ed obesità minaccia la salute dei bambini. L’obesità infantile è strettamente associata ad un incremento del rischio di malattie cardiovascolari, diabete di tipo 2, problematiche di tipo ortopedico, disturbi psichici, basso rendimento scolastico e mancanza di autostima.” (http://www.euro.who.int/en/health-topics/disease-prevention/nutrition/country-work/photo-story-how-can-the-obesity-epidemic-in-children-be-stopped) Si tratta quindi di una questione che tocca tematiche complesse, quali l’educazione alimentare e l’incentivazione all’attività fisica, correlate di un importante supporto psicologico alla persona, alla famiglia e alle dinamiche sociali stesse. Per contrastare il fenomeno dell’incremento dell’obesità infantile, in Umbria, è nato EUROBIS (Epode Umbria Region Obesity Intervention Study). Si tratta di un progetto innovativo, a livello nazionale ed internazionale, nel campo della lotta all’obesità e al sovrappeso infantile secondo la sperimentata metodologia EPODE.

EPODE: Il programma

EPODE è nato come programma sperimentale in due piccoli comuni nel nord della Francia nel 1992 volto per la prima volta a contrastare in maniera sistematica e sinergica tra tutte le realtà locali il problema dell’obesità infantile. Oggi è diventato un network internazionale, il primo al mondo per importanza, in questo campo ed è attivo in 16 Paesi europei ed extra-europei con 26 programmi di intervento (http://www.epode-international-network.com). Il lavoro di EPODE si basa su quattro pilastri di intervento che sono gli stessi su cui si fonda EUROBIS: un forte impegno politico a più livelli, una prova scientifica di valutazione di base e costante, un’efficace strategia di comunicazione e social marketing, la partnership con il settore pubblico e quello privato.

EUROBIS: Gli scopi

EUROBIS è rivolto ai circa 55000 bambini umbri dai 4 ai 12 anni con lo scopo di implementare l’educazione ad uno stile di vita sano, cioè a corrette scelte alimentari affiancate ad una regolare pratica dell’attività fisica. Il lavoro principale è quello di inculcare queste dinamiche non solo nel bambino, ma anche all’interno della famiglia e delle dinamiche sociali attuali. Si parla di dinamiche sociali perché spesso il sovrappeso è associato a fattori discriminanti che si manifestano in una sostanziale solitudine fisica ed emotiva nel bambino. Far cadere le barriere di questa solitudine all’interno della famiglia, nella scuola, tra coetanei è essenziale per portare ad un approccio positivo e fruttuoso nel cambiamento verso una direzione salutare dello stile di vita tramite i piccoli gesti della quotidianità.

Modalità di intervento

Tutte le attività di EUROBIS vedranno il coinvolgimento diretto delle famiglie e dei bambini e saranno inserite sia in ambito privato ma soprattutto in quello scolastico. A sostegno delle iniziative infatti sono già coinvolte personalità che da anni intervengono a sostegno di un sano stile di vita in maniera professionale e competente che provengono da tutti i settori della vita pubblica. In EUROBIS ci sono i rappresentanti della Regione Umbria, delle aziende sanitarie locali, dei pediatri, dell’Ospedale Santa Maria della Misericordia di Perugia, dell’Università degli Studi di Perugia, del CONI, della UISP, i membri del CURIAMO raggruppati in tre comitati: Direttivo, Scientifico, Centrale di Coordinamento.

Comitato Direttivo

Il Comitato Direttivo ha la funzione di stabilire le linee guida dell’azione di EUROBIS all’interno del territorio e di intraprendere e diffonderne le attività in modo da creare una rete capillare ed efficace. All’interno del Comitato sono infatti presenti i rappresentanti delle Istituzioni (Regione dell’Umbria, Anci), del sistema sanitario (Ospedale di Perugia, Asl1 e Asl2), dell’associazionismo sportivo (CONI e UISP), delle scuole (Ufficio Scolastico Regionale), dell’Università degli studi di Perugia, i pediatri e tutti quei partner privati e non che sostengono e affiancano EUROBIS nel suo programma.

Partner

EUROBIS ha avuto il supporto economico “non condizionante” della Coca Cola Foundation da gennaio 2014 a maggio 2016 e, quali sponsor loco-regionali, Grifo Latte e Coop. Secondo il criterio della trasparenza della Public Private Partnership gli sponsors privati non entrano nel merito dei contenuti dei messaggi e delle azioni  di EUROBIS.





ultime dal blog

Vai al blog